Uomini: tra stereotipi e falsi miti

Scultura in bronzo di uomini che spiano

Ammettiamolo: tutti cadiamo nel tranello degli stereotipi. Siamo portati per natura a cercare di semplificare il più possibile le cose, categorizzandole al massimo in “insiemi” che risultano molto facili da comprendere. E le vittime preferite delle donne, quando si tratta di stereotipi e falsi miti, sono gli uomini.

Perché evitare di cedere allo stereotipo può aiutarci nella vita sociale e nel rapportarsi con l’altro sesso? Perché dare per scontato non è mai una buona soluzione. Alzino la mano coloro che pensano che gli uomini sono interessati solo al sesso. A tutti piace fare sesso e questo certamente non comporta un disinteresse per altre cose, come l’amore: sesso e amore si completano a vicenda in una relazione. Molti uomini, pur di rispettare questo stereotipo e per non sentirsi da meno quando si trovano in gruppo, tendono a dare di sé l’immagine del latin lover senza scrupoli. Ma gli uomini sono esseri umani che provano sentimenti allo stesso modo delle donne: non dimentichiamolo mai!

Molte di noi tendono a pensare che ormai non esistono più gli uomini di una volta: tra creme, trattamenti estetici e depilazione per lui, per molte donne vacilla l’immagine del vero maschio, una formula dal significato misterioso e piuttosto priva di senso. Chi lo ha detto che a fare la prima mossa deve essere l’uomo? Il mondo è cambiato, il livello di emancipazione che abbiamo raggiunto nella società, sebbene debba essere comunque innalzato in vari aspetti della nostra vita, ci permette di essere pienamente libere di fare la prima mossa. All’uomo, proprio come alla donna, piace sia cacciare che essere cacciato: non c’è una regola fissa sulla questione. Ciclicamente, tutti ci troviamo a essere sia prede che predatori in cerca d’amore.

Uno stereotipo che fa sorridere, ma sul quale molte donne tendono a far riferimento, è quello che prende in considerazione la grandezza di mani e piedi per considerare, a prima vista, la dotazione sessuale dell’uomo. Purtroppo o per fortuna, la scienza non conferma la correlazione tra le due cose: oltre a essere un modo di selezione del partner piuttosto superficiale, non ha nessun riscontro effettivo. Occorre buttarsi e valutare la situazione non solo dal punto di vista delle dimensioni, ma, in special modo, dal punto di vista delle prestazioni.